Essere se stessi

Mi fanno ridere quelli che la fanno facile e ti sbattono in faccia la formuletta prepagata: “sono così come tu mi vedi”.
No.
Nessuno è davvero quello che si vede. Nessuno di noi.
Siamo mondi dalla cartografia  complessa e il territorio è insidiosamente sviluppato su più livelli e  ad ogni livello c’è la possibilità che possa manifestarsi  un universo parallelo.
Migliaia di alibi ci scorrono nelle vene come fiumi sotterranei.
È difficile essere davvero se stessi. Ma non è questione di cattiveria. In definitiva è solo una questione di paura. Potessimo vederci l’un l’altro per come siamo, ci odieremmo.
O ci abbracceremmo, fino alla fine del tempo?

More from Samuela Cittadini

Baci

Che sia chiaro:  alcuni baci sono ben…dati. Altri no.
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *